La musica popolare brasiliana MPB

Con il concetto ampio di musica popolare brasiliana si intende oggi definire un grande calderone di note, generi, commistioni, artisti che a partire dai primi del ‘900 fino a oggi hanno popolato l’immenso territorio del Brasile.
Stato federale ,vasto e differenziato, il Brasile ci dona un’offerta e una produzione musicale sterminate … così noi appassionati abbiamo nelle orecchie echi familiari, suoni e melodie, canzoni belle- a volte stupende- che ci permettono di individuare immediatamente un canone, una cifra utile a codificare un tema brasiliano.

Questo è dovuto alla diffusione che “i giganti” della musica brasiliana hanno garantito- in Europa specialmente a partite dagli anni ‘60 – ai ritmi e alle melodie del proprio popolo. Reinventandoli e modellandoli. Parliamo per esempio dei titanici Caetano Veloso, Gilberto Gil, Chico Buarque de Hollanda, Vinicius de Moraes o dei divi della bossanova come Antonio Carlos Jobim e Joao Gilberto.

Ma da dove è partita la musica popolare brasiliana.

La música popular brasileira, in acronimo MPB, viene dalla terra, dalla tradizione india ed africana, dalle influenze europee ed ha sempre rispecchiato negli anni le fasi politiche della nazione e – partendo dagli anni ’60 e dall’esilio ddei suoi epigoni – ha ovviamente percepito l’influenza del rock e del pop .

Per questo, la MPB viene suddivisa in due segmenti cronologici con iato proprio la commistione con il rock successiva agli anni ’60 . E tre infine i caratteri, le eredità genetiche che danno fisionomia a generi, sottogeneri e produzioni. Il carattere europeo ( portoghese ma non solo) ; il carattere afro, figlio delle popolazioni di schiavi portate in Brasile dalle colonie portoghesi e in particolare dall’Angola; il carattere indio proprio della popolazione autoctona, originaria, madre e figlia della terra.